L’uscita di scena del Barcellona è stata indubbiamente la notizia più clamorosa di questi quarti di finale di Champions League. I blaugrana, che avevano sempre centrato la qualificazione alle semifinali nelle precedenti 6 edizioni, hanno deluso sia sul piano dell’intensità del gioco che sul piano della supponenza mostrata in campo contro un Atletico Madrid assatanato e voglioso di fare la storia. Come all’andata a deludere è stato soprattutto Leo Messi

, sempre a secco nelle ultime 6 gare disputate contro i Colchoneros, e che mercoledì al Calderon ha perso 19 palloni, ha calciato 0 volte in porta ed ha fallito un gol facile, facile non incornando di testa da posizione favorevolissima un pallone che chiedeva solo di essere spedito in fondo al sacco. Dietro la lavagna ci finiscono anche Fabregas, inconsistente nelle scomode vesti di falso nueve, Dani Alves

, scherzato dal connazionale Filipe Luis

e il folcloristico Pinto

.

L’altra grande formazione scontenta di questo turno è certamente il Paris Saint Germain di Cavani

e Verratti

. Proprio loro due sono coloro che hanno maggiormente deluse le attese. Il Matador, riportato da Blanc al centro dell’attacco a causa del forfait di Ibrahimovic, ha steccato alla grande l’occasione risultando impreciso e mai decisivo mentre Verratti, che aveva incantato sette giorni prima al Parco dei Principi, ma è stato assolutamente abulico a Stamford Bridge. Nel nostro flop 11 ovviamente c’è spazio anche per il Real Madrid da incubo del Westfallen Stadion che ha salvato la pellaccia soffrendo però le pene dell’inferno. Qui i bocciati sono Pepe

, Illaramendi

e Di Maria

, che ha fallito il rigore in apertura di match avrebbe chiuso i conti della qualificazione.

https://it.eurosport.yahoo.com/video/bayern-monaco-man-united-3-230850811.html?format=embed&player_autoplay=false

https://it.eurosport.yahoo.com/video/borussia-real-madrid-2-0-221557168.html?format=embed&player_autoplay=false