Se nell’immaginario colletivo la parata più iconica rimane quella del primo tempo supplementare della finale mondiale 2006 sul colpo di testa a botta sicura di Zinedine Zidane, per Gianluigi Buffon le parate “della vita” sono altre. Almeno questo risulta dalla personale selezione del portierone bianconero concepita nel luglio 2011.

Dalla parata a braccio aperto su “bomba” di Roberto Carlos, al tuffo plastico per disinnescare la “foglia morta” di Zidane. Ognuno è un tassello che va a comporre la figura del miglior portiere mai esistito al mondo. Ovviamente proprio non poteva mancare l’irreale parata sul tuffo di testa di Inzaghi a Manchester 2003.