Ho cercato di aiutare per quello che potevo. Non era mia intenzione di far sapere tramite i social, ma visto che alcuni giornali hanno iniziato a scriverne, preferisco postare un video. Magari riesco a dare la voglia ad altri di farlo. Mi piacerebbe vedere anche voi farlo.

Le “buone azioni” di Dries Mertens, descritte su giornali e siti negli ultimi giorni prendono forma in un video che lui stesso ha postato sul suo profilo Twitter: eccolo dunque portare cibo ai senzatetto, curare cani abbandonati e far visita ai bambini malati di cancro all’ospedale.

Campione di solidarietà dunque ma anche d’umiltà, visto che non voleva sbandierare a tutti le proprie opere di beneficenza. E questo gli fa ancora più onore.