Lo conosciamo tutti come il “pomodoro volante”, soprannome attribuitogli ai Giochi di Torino 2006. Shaun White è una leggenda dello snowboard e ha ricevuto una sorpresa da Cha Gwen So, proprietario di un ristorante e chef a PyeongChang. Scorrendo il menu, infatti, si può trovare tra gli hamburger proprio “Flying Tomato”. Ci sono, però, due requisiti per mangiare questo piatto: avere un milione di won nel portafoglio (pari a circa 750 euro) ed essere Shaun White. In effetti, per poterselo permettere è anche comprensibile che sia così…

Si tratta dunque di un piatto pensato solo per l’atleta che ne è la fonte di ispirazione, come si legge dal menu stesso: “Questo è solo per Shaun White, il mio augurio per la tua medaglia d’oro”. Non importa se l’idea sia nata per un tributo ai fan, per uno scherzo o per trarne profitto. La trovata ha funzionato perché White ha assaggiato questa creazione. “Oggi è un giorno molto felice”, ha dichiarato Cha, anche lui snowboarder per passione. White, dopo il quarto posto di Sochi 2014, vuole il riscatto. D’altronde le due medaglie d’oro del 2006 e del 2010 parlano chiaro, così come le 13 medaglie d’oro nei Winter X Games. Il suo obiettivo a PyeongChang è fare il vuoto a livello di ori e diventare lo snowboarder olimpico più titolato di sempre. La missione comincia subito: appuntamento alla notte del 13 febbraio con l’halfpipe naturalmente su Eurosport.