No, Arnaboldi non l’ha presa benissimo…

Il Challenger di Biella aveva regalato una semifinale tutta italiana: da una parte Andrea Arnaboldi, numero 291 del ranking mondiale, passato attraverso le qualificazioni, dall’altra Salvatore Caruso, numero 177 ATP. E’ proprio il 23enne siciliano di Avola a imporsi con il punteggio di 3-6 7-5 7-5 in due ore e 43 minuti. E la sconfitta proprio non è andata giù ad Arnaboldi, che si è sfogato sulla propria racchetta…