2 metri e 15 centimetri? Lei su questo aereo non ci può stare…

Storia ai limiti dell’incredibile quella accaduta a Alexander Kimerov: a Samara (Russia) il pallavolista del Fakel Novy Urengoi è stato costretto a scendere dall’areo della compagnia Vittoria a causa della sua altezza.

In un primo momento, vista la difficoltà a prendere posto sul velivolo con destinazione Mosca, il giocatore si sposta su un sedile in corrispondenza all’uscita di sicurezza: le hostess però non sono d’accordo e fanno tornare al proprio posto. Successivamente Kimerov è stato nuovamente ripreso perché con le sue gambe occupava il corridoio non lasciando libero il passaggio. Da lì in poi il caos: il battibecco con il personale di bordo comporta prima un ritardo della partenza dell’aereo e poi l’arrivo della polizia che, nonostante il tentativo di mediazione dello staff del Fakel Novy Urengoi, costringe il pallavolista a scendere dall’aereo.

Il fatto è stato ripreso dal telefono di del giornalista Petr Kondakov, a seguito della squadra. La compagnia aerea, criticata per il trattamento, si è difesa sottolineando che nessuno aveva avvisato per tempo la presenza del passeggero dall’altezza “esagerata”.

No, nessuna causa in vista ma il direttore del Fakel Nikolay Kapranov si attende delle “scuse ufficiali” oltre alle solite parole di circostanza…